SUPERTRUNA BREUIL-CERVINIA-VALTOURNENCHE 2013

mhfior-supertruna2013

L’Associazione PROTEZIONE CIVILE PARACADUTISTI LOMBARDIA ONLUS, nei giorni 1, 2 e 3 marzo 2013 a Plain Maison (Cervinia), a 2550 mt slm, propone un’avventurosa esperienza dedicata ai diversamente abili dell’associazione “Superhabily” impegnata nello sport paralimpico, quella della “truna”: costruire un rifugio protetto all’interno della neve entro la quale potervi trascorrere la notte in caso di emergenza. L’iniziativa non vuol essere un corso di sopravvivenza, ma un’esperienza emozionante da trascorrere in compagnia, con lo spirito di affrontare nuove sfide adatte anche a chi, per condizioni fisiche e/o psicologiche, non potrebbe realizzarle in completa autonomia. Questo evento,vede la sinergia positiva tra istituzioni ed associazioni: Paracadutisti Lombardia ha infatti il sostegno delle forze dell’ordine di Cervinia, e l’importante collaborazione degli impianti di risalita Cervino S.p.A. (che permetteranno a tutti i partecipanti di utilizzare gratuitamente le proprie strutture) e quella del rifugio/ristorante Tuktu, che offrirà pasti, ospitalità e ristoro sempre a titolo gratuito. Oltre all’attività teorico/pratica di approntare una truna, ai partecipanti verrà proposta (condimeteo permettendo) una dimostrazione interattiva delle attività di Soccorso Alpino sia da parte della Guardia di Finanza di Cervinia, tramite l’uso di cani addestrati al recupero e ritrovamento di persone vittime di valanghe, sia dalla Polizia di Stato che illustrerà la propria attività di soccorso e assistenza sulle piste sciistiche. Gli organizzatori di questo progetto, Placido Calabrese, Andrea de Milato, Massimiliano De Santis e Denis Rivellini ed i paracadutisti della PCPL saranno affiancati dalla dottoressa Maria Rita Gismondo, dirigente dell’Azienda Ospedaliera “L. Sacco” e Presidente dell’associazione Fondazione Donna Milano ONLUS. La manifestazione si concluderà, in presenza delle autorità civili e militari locali, con la Cerimonia dell’Alzabandiera che si terrà direttamente a Plain Maison alle ore 10,00, allo scopo di simboleggiare il concetto di patria, di solidarietà e di unità.

La manifestazione è patrocinata dal Comune di Valtournenche-Cervinia e dall’Amministrazione regionale della Valle d’Aosta Assessorato sanità, salute e politiche sociali.

Protezione Civile Paracadutisti Lombardia Onlus è un’Associazione, senza fini di lucro, promuove e tramanda i Valori del Paracadutismo anche sviluppando gli impieghi della Specialità a favore della protezione civile, effettua interventi in caso di calamità naturali e non, tutela ed assiste le persone diversamente abili mediante la diffusione dell’attività motoria e sportiva, previene la violenza contro donne e bambini attraverso la formazione alla prevenzione e l’insegnamento alla difesa personale.

 Ven 1 marzo:

Ore 8,00 preparazione delle trune rifugio e delle trune scuola in Plain Maison, apertura del Supercampo.

Sab 2 marzo:

Ore 9,00 Arrivo a Cervinia dei Superhabily e degli accompagnatori, accoglienza e salita a PlainMaison.

Ore 10,00 Briefing e costruzione delle trune scuola, approntamento delle trune rifugio per la notte.

Ore 13,00 Pranzo convenzionati presso il Ristorante TUKTU.

Ore 15,00 Attività e dimostrazioni varie.

Ore 20,00 Cena convenzionati presso il Ristorante TUKTU e pernottamento in truna.

Dom 3 marzo:

Ore 10,00 Cerimonia dell’Alzabandiera con autorità civili e militari locali.

Ore 12,00 Pranzo convenzionati presso il Ristorante TUKTU e pernottamento in truna.

Ore 15,00 Distruzione delle trune e rimessa in piano, chiusura del Supercampo.

Ore 16,30 Discesa a Cervinia e ritorno a Milano.

Per informazioni paracadutisti.lombardia@yahoo.it, tel + 349 34 32 611

Plain Maison (Cervinia)

1-3 marzo 2013

 

SPONSOR:

http://www.cervinia.it

http://www.fdmonlus.it

http://www.tuktu.it

http://www.monicafior.com

http://www.francocoviphotographer.com

http://www.superhabily.it

http://www.bujinkanitalia.it

Col patrocinio di:

www.comune.valtournenche.ao.it

http://www.regione.vda.it

Annunci

Maria Lai a Milano, storia di un Dio distratto

lai1La Nuova Galleria Morone presenta “Tracce di un dio distratto”, la personale milanese di Maria Lai, curata da Manuela Gandini.
Nata nel 1919 a Ulassai (Ogliastra), allieva di Arturo Martini e Alberto Viani all’Accademia di Belle Arti di Venezia, Lai – in tempi nei quali le artiste non viaggiavano e non godevano della credibilità del sistema dell’arte – sperimenta nuovi materiali, s’addentra nella poesia della terra e crea mondi fatti di stoffe, di fili, di pane, di legno, di tela.
Dopo il successo nella capitale, durante gli anni Sessanta, Lai decide di tornare in Sardegna per liberarsi dalla mondanità. Ha bisogno di spazio, di vento, di pietre e solitudine. Il suo lavoro si nutre di legami ancestrali con l’isola e di una inesauribile “ansia di infinito”.
“L’uomo – scrive Maria – ha bisogno di mettere insieme il visibile e l’invisibile perciò elabora fiabe miti, leggende, feste, canti, arte”. Partendo dalla semplicità delle cose, sentendo i battiti del pianeta, l’artista tesse geografie che si sfilacciano, planisferi bui pieni di stelle, mondi sopra e sotto di noi con meridiani e paralleli che disorientano e rimangono incompiuti come la vita. 7_93_20070315161827
Crea libri di stoffa, nei quali sono scritte parole illeggibili, con fili che si intricano ed escono come cascate dalle pagine, oppure illustra, con leggerezza e dedizione, leggende sepolte nell’inconscio collettivo facendole rifiorire. A Ulassai realizza opere ambientali, di land art, con l’obiettivo di legare il quotidiano all’Universo e l’asprezza del territorio alla dolcezza della poesia, perciò – tra le altre opere – trasforma una scarpata in una superficie fatta di frammenti specchianti che portano il cielo in terra.
Suo padre le soleva dire: “sei una capretta ansiosa di precipizi”. Usando la tradizione femminile sarda del cucito, del telaio, della famiglia, delle storie delle janas (le fate), Lai sovverte i punti di vista, non è addomesticabile e, con garbo, rovescia le convenzioni riflettendosi ogni giorno nella vastità dell’altrove.

Artista: MARIA LAI
Titolo: TRACCE DI UN DIO DISTRATTO
Curatrice: MANUELA GANDINI
Dove: NUOVA GALLERIA MORONE, Via Nerino 3, Milano
Quando: 7 Febbraio | 27 aprile 2013
Inaugurazione: 7 febbraio, ore 18
Orari: dal martedì al sabato 11 | 19

Via Nerino 3 20123 Milano Italia | Tel 02 72001994 | Fax 02 72002163
http://www.nuovagalleriamorone.com| info@nuovagalleriamorone.com